La scuola

La scuola2018-08-03T11:27:52+00:00

Project Description

Tessere nuovi legami tra minori, scuola e famiglia

Potenziare la missione educativa della scuola attraverso il collegamento alla Rete e alle altre agenzie educative.
Favorirne il ruolo di osservatore/sensore/facilitatore (in particolare nei confronti delle famiglie negligenti).
Alimentare dialoghi tra scuola e altri soggetti della rete per promuovere all’interno della scuola stessa l’attivazione di percorsi di osservazione e intervento relativi alla cura e alla crescita dei bambini.
Sostenere processi di supporto reciproco tra famiglie.

L’istituzione scolastica riveste infatti un ruolo delicato e di “frontiera”, nell’accoglienza delle necessità e delle problematiche dei bambini, ed ha un ruolo determinante nella prevenzione.

In questo processo si ritiene strategica la riduzione della distanza tra Servizi (sociali, specialistici…) e scuola favorendo i percorsi di conoscenza ed integrazione, sviluppando una fiducia reciproca e potenziando il livello preventivo delle varie azioni sistemiche. La scuola si troverebbe così a non essere più sola nel sostenere il compito di accompagnare e favorire la crescita dell’allievo – inteso come persona nella sua totalità e quindi anche la sua crescita relazionale – e nel cercare di garantire, insieme alla trasmissione di conoscenza e di apprendimento, processi di ascolto, di socializzazione e di empowerment.

Intendiamo sperimentare una nuova forma di assistenza educativa scolastica che si pone maggiormente come ponte tra il minore, (anche non certificato) e il contesto scolastico, e ancora tra questo e la famiglia, supportandone le reti di prossimità.

Per questo abbiamo previsto la creazione di un punto di ascolto e di orientamento psico -pedagogico per le famiglie e i minori che possa essere complementare e di supporto al lavoro delle scuole. L’operatore si occuperà nello specifico di ricostruire la biografia e il percorso scolastico pregresso del minore; di condividere le aspettative e i progetti per il futuro del ragazzo e della famiglia; di sollecitare un percorso di autoanalisi rispetto a punti forza/debolezza; di valutare le competenze scolastiche del minore; di illustrare il panorama scolastico superiore; di accompagnarlo alla formulazione della scelta coinvolgendo anche i genitori.